Calcio Catanzaro
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Catanzaro, Foresti: “In Serie B cambiano tante cose, dobbiamo perfezionarci”

foresti_catanzaro

Il dirigente bergamasco dalle colonne della Gazzetta del Sud: “Sono sicuro che riusciremo a giocare dall’inizio al Ceravolo”

“Quando diciamo che siamo approdati nel calcio che conta, un significato c’è”. Diego Foresti ha rinnovato il suo contratto con il Catanzaro e sarà il direttore generale delle Aquile giallorosse anche in Serie B. Dalle colonne della Gazzetta del Sud, il dirigente bergamasco ha sottolineato la sua riconoscenza verso la società: “Sono onorato e orgoglioso di questa riconferma da parte di una proprietà che è difficile trovare nel mondo del calcio, è molto seria, solida, attenta, oculata: si lavora con estrema tranquillità. Dai Noto ho imparato molto, il presidente è come un fratello maggiore, dal canto mio penso di essere riuscito a trasmettere qualcosa sul piano calcistico”.

Smisurato oramai il suo amore per la città dei Tre Colli: “L’ospitalità e l’amore della gente fin dall’inizio sono le cose che mi hanno più colpito. Mi sento un uomo del Sud più che del Nord, il mio carattere mi ha aiutato a inserirmi e farmi voler bene. Il piatto preferito? Il morzello mi piace, ma preferisco il soffritto. Il primo anno ho vissuto a Soverato, da due sono a Lido, dove c’è un ristorante che di fatto ha sostituito casa, però amo anche salire nel centro storico, frequentare i bar, i ristoranti e corso Mazzini, si respira un’aria che ti fa sentire ancora più protagonista”.  

Dalla Serie C alla cadetteria “cambiano tante cose, già fra i tesserati con al massimo 18 calciatori over, il minutaggio sui giovani anche dall’estero che in C non esisteva: regolamenti che possono portare frutti alla società – spiega il dg –. Più sali di categoria, più blasone c’è, quindi ci confronteremo con piazze importanti, forse il Cagliari e il Parma, magari la Samp. Insomma, andremo in città e stadi di un certo livello, sarà sicuramente emozionante e abbiamo l’obbligo di riorganizzarci per essere all’altezza”.

Ambiziosi ma sempre con i piedi per terra, sul modello delle attuali neopromosse Bari e Sudtirol: “Sono convinto che non bisogna mai sentirsi arrivati, dunque sto già valutando cosa hanno fatto e stanno facendo le società abituate a queste categorie, prendere ispirazione mi piace. C’è sempre un mix fra le mie idee, quelle del presidente e ciò che possiamo captare in giro. Quando sono arrivato c’era tanto lavoro da fare e ce n’è ancora, sul piano strutturale e organizzativo il miglioramento è stato notevole, in B è necessario perfezionarsi”. 

Cruciale per l’intero ambiente sarà l’adeguamento del Ceravolo: “Nell’ultimo mese ho trovato un’ottima collaborazione col Comune, che eseguirà gli interventi, molta disponibilità dal sindaco Fiorita all’assessore Scalise fino al dirigente Laganà e ai loro collaboratori. Stiamo lavorando bene cercando di ottimizzare i tempi, che sono l’unico problema, ma sono sicuro riusciremo nell’intento di giocare dall’inizio al “Ceravolo”. 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

"Doppia doppia" stagionale per il belga, tredicesimo gol in campionato per il capitano. ...
Il tecnico giallorosso: "Abbiamo raccolto meno rispetto a quanto fatto. Siamo un po’ in credito...
"Per la prima volta dopo tanto tempo c'è la possibilità concreta che una neopromossa dalla...

Dal Network

Mister Bianco potrebbe scegliere di partire ancora con il 3-4-2-1 visto a Terni nella scorsa...
Oltre ai lungodegenti, sarà ancora assente anche un difensore che non recupera in tempo...

Altre notizie

Calcio Catanzaro